|
|
|
|
Webcamonica - Oggi il giorno 23 Sep 17 - 09:20:42
I PAESI DELLA VALLE
Darfo Boario Terme  
Breno  
Edolo  
Bienno  

NATURA IN VALLE
Il lago della vacca  
La corna bianca  
Campolaro  

ANNUNCI CAMUNI
Annunci di lavoro  
Annunci immobiliari  
Annunci economici  
BIENNO - A cura di Michela Pianta
APPROFONDIMENTI:

  • La storia di Bienno

  • Attrazioni, ristoranti, sagre e feste

  • Impianti turistici

  • Cosa visitare a Bienno
  • Nella media Valle Camonica, a 70 chilometri circa dal capoluogo di provincia e dal passo del Tonale si trova il comune di Bienno (Bièn, nel dialetto locale), uno splendido borgo posto a quasi 500 metri sul livello del mare, il cui territorio è circondato da numerose vette quali la Concarena, il Pizzo Badile e la Presolana; Bienno è interamente percorso dal torrente Grigna, dal quale mutua il nome la piccola Valle alla quale il territorio del comune appartiene insieme a Prestine,Berzo Inferiore ed Esine: la Val Grigna, appunto. La storia ci ricorda numerose tragiche inondazioni dell'impetuoso torrente.

    L'antico paese sorge su una delle colline dominate dal dosso del Cerreto. Nella sua parte più alta Bienno è un borgo medievale e rinascimentale ben conservato, mentre nella zona più pianeggiante si trovano gli edifici e le costruzioni più recenti.

    Bienno è sviluppato su una superficie che raggiunge i 30 Kmq circa, da un punto di vista paesaggistico è costituito principalmente da  boschi, pinete, pascoli, ed è davvero molto ricco d'acqua.
    Il numero dei suoi abitanti (meglio conosciuti come i “biennesi”) supera di poco i 3600.
    Attraverso il passo di Crocedomini e quello delle Sette Crocette da Bienno si possono facilmente raggiungere la vicina Valtrompia e la Valsabbia.

    Per quanto riguarda la flora e la fauna presenti sul territorio, esse sono in linea di massima quelle caratteristiche delle zone prealpine e, in parte, di quelle alpine.

    Come accade molto frequentemente quando si parla di piccoli e medi comuni, anche per ciò che concerne  l'etimologia del nome Bienno non esiste un'ipotesi unica ed esaustiva, bensì alcune differenti teorie, tutte ugualmente credibili:  potrebbe in effetti trarre origine da Biennius, nome gentilizio di origine romana piuttsoto diffuso, così come sembrerebbero testimoniare i resti di una lapide rinvenuta proprio in territorio biennese; ma al contempo Bienno potrebbe invece derivare da Biennium, voce di derivazione latina che si utilizzava in riferimento a  quei canali in legno o muratura adibiti a indirizzare e portare l'acqua verso le ruote dei mulini.

    In effetti il paese di Bienno, fin da epoca antica, è stato particolarmente ricco di questi canali, i quali portavano acqua per le numerose fucine esistenti, con i possenti magli per la lavorazione dei metalli come il ferro: Bienno infatti è sempre stato, da che si ha memoria, il più importante centro di lavorazione del ferro di tutta la Valle Camonica.

    L'arte nota come “ferrarezza” rivive nelle fucine e nel museo etnografico del ferro, mentre le macine dell'antico mulino trasformano ancora oggi i cereali in farina, secondo l'antica tradizione. Il Paese dei Magli, com'è conosciuto Bienno, è noto proprio per le sue fucine, e per i tre elementi necessari a renderle attive e funzionanti: il ferro, ovviamente, materia prima indispensabile, ma anche l'acqua, come si è detto, e infine il fuoco, necessario per alimentare i forni fusori adibiti alla fusione del minerale, di cui si ha testimonianza fino a partire dal XIII secolo.

    Interesse storico e ambientale, bellezze naturalistiche e architettoniche, grande amore e un forte legame con la tradizione, la storia e il territorio: questi sono alcuni dei punti di forza di Bienno, un comune ricchissimo da un punto di vista di manifestazioni, iniziative culturali e popolari, feste e molto altro. Tra i punti d'interesse ambientale va senza dubbio citata la riserva naturalistica del Barberino, un dorsale collinare che funge da spartiacque naturale tra le confinanti Valle Camonica e Valgrigna. Lungo questa splendida dorsale è possibile fare bellissime escursioni alla scoperta sia della natura che delle molte chiese di cui il territorio è costellato.

    Bienno inoltre, negli ultimi anni, è stato in grado di incentivare fortemente e in maniera intelligente le proposte turistiche legate al proprio territorio, non soltanto grazie alla celebre e molto apprezzata Mostra Mercato estiva, ma anche per merito dell'appartenenza alla lista de “ I borghi più belli d'Italia” e della certificazione ambientale EMAS.

    Per dare peso e rilievo a questa nuova e forte vocazione di valorizzazione e richiamo turistico è in programma un piano per il recupero di quegli edifici d'interesse architettonico che appartengono al centro storico del Paese .
    Grazie inoltre ad un finanziamento ottenuto dalla Regione Lombardia Bienno comincia ad affrontare attualmente il delicato e importante tema dello sviluppo sostenibile attraverso l'approfondimento di due importanti filoni fondamentali per l'Economia, che sono proprio il turismo e l'energia.

    Molte e molto caratteristiche sono le località comunali che fanno parte del territorio di Bienno. Uno fra gli esempi più noti è rappresentato da Bazena, località montana che sfiora i 1800 metri di altitudine, che comprende per tradizione alcune malghe e un laghetto;  C'è poi la zona nota fin da tempi remoti come Cerreto, situata in territorio collinare nei pressi di quello che, con molta probabilità, fu un antico luogo di culto.

    WEBCAMONICA
     
    INSERISCI IL TUO ANNUNCIO DI LAVORO ANCHE SU CERCOLAVORO.WORK

     

    WebCamonica © Web Vision Srl - P.IVA 03536400983 - Vietata la copia totale o parziale